English中文DeutschEspañolFrançais 日本語한국어Portuguêsру́сскийNederlands

Siamo certi che conoscete bene la situazione: il vostro ospite arriva, afflitto dal jet-lag e insicuro su come comunicare con voi, visto che non parlate la stessa lingua. Magari siete lì ad accoglierlo di persona oppure sta seguendo le vostre istruzioni per trovare le chiavi di casa nascoste sotto il nano da giardino. Ha fatto molta strada per arrivare davanti alla vostra porta di casa. Avete riflettuto attentamente su cosa potrebbe rendere accogliente il vostro alloggio per una persona così lontana da casa? Molti di voi ci hanno sicuramente pensato! Per questo siamo entusiasti di poter condividere molte delle vostre premurose idee qui di seguito.

Adottate un atteggiamento curioso e paziente

Una mentalità aperta, e anche un po’ di giocosità, possono aiutare ad affrontare meglio le eventuali incognite legate all’ospitalità di viaggiatori internazionali.

  • Siate di mentalità aperta. Siamo tutti diversi e il mondo non gira intorno a noi. Provate a immaginare come vi sentireste in un altro paese! Se vedete cose che non capite e pensate che dipendano da usanze diverse, chiedete, parlate, mostrate interesse verso le abitudini del vostro ospite. A molti di loro piace spiegare le proprie tradizioni!—Michael, Messico
  • Mi confronto spesso con gli ospiti stranieri riguardo ai comportamenti e agli atteggiamenti diversi che abbiamo, paragonando i modi di parlare, i proverbi e i gesti e questo a volte è molto divertente.—Lisa, Germania
  • Siate decisi ma flessibili e non infastiditevi per delle sciocchezze.—Kim e Jen, Norvegia
  • Credo che essere me stessa e accogliere gli ospiti come piace a me sia la chiave giusta per assicurare a entrambi un soggiorno perfetto.—Mariann, Norvegia
  • Non abbiate timore se le persone parlano un’altra lingua… di solito non c’è nessun problema e può essere divertente cercare di capirsi quando non si parla la stessa lingua.—Michael, Messico

Superate le barriere linguistiche

Il contatto visivo, la comunicazione non verbale e i tentativi per trovare dei punti in comune con i viaggiatori possono favorire la comprensione. Alcuni host cercano di barcamenarsi con diverse lingue per poter chiacchierare con i loro ospiti, ma ci sono molti altri modi intelligenti per comunicare anche se non si è poliglotti.

  • Accogliete gli ospiti con un sorriso e sarete già a metà dell’opera. Parlo inglese e spagnolo, il che mi facilita la vita, anche se ho dei problemi con alcuni accenti. Ad ogni modo, Google Traduttore mi aiuta molto. La maggior parte dei miei ospiti è straniera e parla almeno una di queste due lingue. E a molti piace parlare anche francese quando può.—Sylvie, Repubblica Dominicana.
  • Faccio del mio meglio per scrivere correttamente e utilizzo un inglese basico per i messaggi. A volte è difficile. Non scrivo “c u soon” or “thx”. Non oso immaginare come tradurrebbe queste parole Google Traduttore! Mi sforzo anche di non adottare norme e consuetudini culturali, sebbene sia molto difficile. Una cosa che mi diverte fare è creare delle icone per le istruzioni della casa anziché spiegarle a parole. Google Immagini è utile per trovare degli spunti divertenti.—Paul, Washington, Stati Uniti
  • Sono in grado di salutare in molte lingue diverse tra cui giapponese, coreano, arabo, russo, svedese, francese, tedesco, hindi, tailandese, ecc. Riesco anche a cantare in arabo e urdu. Cantare nelle lingue degli ospiti ti avvicina moltissimo a loro!—Huai-Dhawa, Canada
  • Utilizzo l’app Itranslate. Registra quello che stai dicendo e lo traduce senza problemi da e verso qualsiasi lingua.—Omri, Israele
  • Ho un libricino che ADORO e che mi ha salvato innumerevoli volte! Si intitola “Point it”.—Priscilla, Brasile
  • Sorridete, annuite, indicate con il dito! Dite Aha! e Oho! e sorridete ancora di più. Speriamo che la comunicazione non verbale improvvisata che abbiamo appena inventato tra di noi porti i risultati sperati.—Sandra, Australia
  • Cerco di migliorare costantemente il mio inglese poiché è un importante mezzo di comunicazione. Conoscere una lingua straniera o essere propensi a comunicare utilizzando molto la comunicazione non verbale è chiaramente IL prerequisito per ospitare viaggiatori stranieri.—Angelina, Germania.

Create una calda accoglienza

L’arrivo di un ospite è così importante che a ogni Airbnb Open celebriamo gli host dalle prestazioni migliori con un Host Award dedicato. Le prime impressioni possono attenuare lo stato d’ansia e aiutare un viaggiatore esausto a sentirsi a casa quando arriva nel vostro alloggio, anche se solo per una notte.

  • Quando i miei ospiti arrivano, fornisco sempre del materiale su San Paolo, e c’è sempre un messaggio personale e qualcos’altro nella loro lingua.Priscilla e Gabriel, Brasile
  • Uno dei migliori consigli che posso dare ad altri host è quello di andare a prendere gli ospiti in aeroporto per portarli all’alloggio. È il modo migliore per entrare subito in contatto con loro e creare un legame prima che arrivino a casa vostra. Questo gesto li aiuterà inoltre a sentirsi più rilassati e tranquilli perché non dovranno preoccuparsi di trovare l’indirizzo giusto. Infine l’host potrebbe guadagnare dei soldi in più addebitando agli opsiti le spese per questo servizio. È sicuramente una situazione vantaggiosa per tutti!—Oomesh Kumarsingh, Mauritius
  • Mia figlia crea un cartello di benvenuto nella lingua dell’ospite e in hawaiano utilizzando i nomi degli ospiti. Agli ospiti piace così tanto che normalmente si scattano delle foto tenendolo in mano.Momi, Hawaii, Stati Uniti
  • Ho una radio web e quando gli ospiti arrivano da un’altra città/paese, sintonizzo la radio su una stazione del loro paese per dare loro il benvenuto quando entrano.Beth, Arizona, Stati Uniti
  • Nella nostra stanza degli ospiti è disponibile  il libro “When in Germany: Do as the Germans do”. È utile per trovare le risposte a semplici domande tipo: “Devo aspettare all’interno del  ristorante finché non mi danno un tavolo?”.Till e Jutta, Germania

Rendete accessibili le vostre Regole della casa e la guida

Evitate qualsiasi fraintendimento scrivendo delle Regole della casa chiare e aiutate i vostri ospiti a girare la città con una guida completa e intelligente. Sarebbe utile averle anche tradotte in altre lingue!

  • Continua evoluzione: ogni volta che ospitate un viaggiatore di un’altra nazionalità, aggiungete nella vostra guida una pagina nella sua lingua.—Michael, Messico
  • Ricevo molti viaggiatori dalla Cina e i cinesi sono degli ospiti talmente fantastici che per incoraggiarli a prenotare ho pagato un traduttore professionista affinché traducesse in cinese semplificato le mie Regole della casa e un riassunto del mio Manuale della casa di modo che sappiano esattamente cosa aspettarsi e possano sentirsi accolti. Pian piano sto anche raccogliendo una serie di manuali d’istruzioni in diverse lingue per utilizzare gli elettrodomestici della cucina e del locale lavanderia.—Louise, Australia

Assicurate agli ospiti un ottimo soggiorno con i servizi e le informazioni giuste

Può essere impegnativo per gli ospiti orientarsi, collegarsi online, e trovare facilmente degli articoli per l’igiene personale che sostituiscano quelli persi o dimenticati. Qui di seguito trovate dei fantastici suggerimenti di host che sanno come creare le basi per un soggiorno senza intoppi.

  • Mettete a disposizione degli adattatori universali (sono utilissimi per gli ospiti).—Alfred, Spagna
  • Impostate i dispositivi elettronici nella vostra lingua e mettete a disposizione delle guide stampate, in lingua inglese (se potete, con dei brevi testi schematici), dei servizi principali (internet, cucina, acqua calda, chiavi, pattumiera, ecc.) e traducetele se necessario.—Aaron, Messico
  • È importante che il vostro wi-fi funzioni bene, soprattutto se avete ospiti non europei. I loro cellulari potrebbero infatti non avere accesso alla rete francese e funzionare solo se connessi alla rete wi-fi. Rispetto ad altri paesi dove la connessione wi-fi è presente ovunque, i viaggiatori in Francia potrebbero avere diversi problemi per comunicare.—Emmeline, Francia
  • Quando abbiamo degli ospiti statunitensi, impostiamo la temperatura del termostato in Fahrenheit. E selezioniamo una programmazione TV appropriata. Nella camera degli ospiti e nel bagno abbiamo sufficienti adattatori da viaggio. E spieghiamo anche come funzionano le tapparelle tedesche.—Till & Jutta, Germania
  • Cerco di adattarmi alle usanze dei miei ospiti: gli americani utilizzano molti cuscini, quindi ne aggiungo altri nell’armadio e lo stesso faccio per gli asciugamani. I tedeschi tendono spesso ad avere ognuno le proprie lenzuola e persino le proprie coperte, anche se dormono nello stesso letto. Così metto a disposizione una coperta aggiuntiva nell’armadio. Ho aggiunto anche una caffettiera tipica italiana perché gli italiani e gli spagnoli non gradiscono la mia elettrica. Inoltre metto nel frigo un piccolo spuntino: uova e prosciutto per gli americani e brioche, pane e burro per gli europei. E una birra locale o del rum a seconda di quello che ho disponibile in casa.—Sylvie, Repubblica Dominicana
  • Uno dei suggerimenti che darei agli host che ospitano viaggiatori internazionali è quello di cambiare l’audio della TV in inglese per poter vedere un film o una serie tv in lingua originale se quel contenuto è stato creato in quella lingua.Marc, Spagna
  • Ho praticamente tutto ciò che è facile dimenticare a casa o che non è consentito portare nel bagaglio a mano in aereo, come caricatori, cavi, shampoo e altri prodotti liquidi. È divertente quando qualcuno vi chiede se per caso potete indicargli il negozio più vicino dove poter comprare quel cavo che a lui serve e voi rispondete che può trovarlo direttamente nel cassetto!—Helga, Francia
  • Offritevi di installare sul telefono degli ospiti le app di Uber e Lyft, nel caso abbiano bisogno di utilizzare dei servizi di car sharing.—Nina, California, Stati Uniti
  • Nella camera degli ospiti ci sono spuntini, spazzolini, dentifricio, saponette, caricatori del telefono, blocco note, rasoi e schiuma da barba, stuzzicadenti, caramelle per la tosse, cerotti, batuffoli di cotone, medicinali per il raffreddore e contro l’acidità, un simpatico fumetto, il cubo di Rubic, un puzzle, alcune candele e ogni tipo di bevanda: tè, mate, cioccolata calda, caffè, limonata istantanea, sia normale che senza zucchero e, naturalmente, un paio di bottiglie d’acqua. E anche una mappa.—Anastasia, Nevada, Stati Uniti
  • Un consiglio per i miei ospiti: nella lettera di benvenuto faccio presente che l’acqua a Vienna è potabile e di qualità. C’è anche un fascicolo informativo a riguardo, redatto dalla città di Vienna che ho scoperto di recente. Da allora, ho praticamente smesso di mettere a disposizione delle bottiglie di acqua.Monika e Elisabeth, Austria

Celebrate tutto ciò che è locale

Condividete ciò che di meglio ha da offrire la vostra città e non abbiate timore di vantarvi un pochino! Gli ospiti internazionali possono essere molto stimolanti per gli host, perché spesso sono più ispirati e interessati agli aspetti quotidiani della città che visitano.

  • Dovete assolutamente avere una mentalità aperta E far scoprire ai vostri ospiti cosa significhi vivere come un francese. Non pubblicate i vostri annunci come se fossero quelli di hotel dagli “standard internazionali”… Secondo me, creare dei ricordi, ispirare e far scoprire agli ospiti in che modo la Francia, per il suo stile di vita,  può essere un esempio a cui ispirarsi sono modi per far apprezzare il nostro paese e farli sentire accolti con gioia.—Olivier, Francia
  • Offrite loro una buona bottiglia di vino francese. Dopotutto, sono arrivati in Francia!—Nathalie e Giles, Francia
  • Per gli ospiti che soggiornano per più di tre giorni, potreste preparare una colazione locale. Poiché vivo a Bahia, in Brasile, offro della frutta, della tapioca, dei pancake e alcuni tè locali, perché a me piacerebbe assaggiare il cibo locale di tutti i paesi che visito. Penso sia un’ottima idea per le persone che si sono fidate di voi e hanno scelto il vostro alloggio.—Josie, Brasile
  • Mi informo sempre per conoscere il colore preferito dei miei ospiti, in modo da poter realizzare una ghirlanda hawaiana per le donne. E aggiungo una nota nella loro lingua che dia loro il benvenuto.—Momi, Hawaii, Stati Uniti
  • Preparo sempre dei dolcetti tipici che piacciono molto ai bambini del posto… qualcuno vuole dei Moon Pie? Di solito porto i viaggiatori che soggiornano con noi per lunghi periodi in giro per la città e nei ristoranti regionali e internazionali che da soli non troverebbero. E regalo loro anche delle cartoline già affrancate di Nashville con una nota da scrivere ai loro cari.—Amy, Tennessee, Stati Uniti

Per tutti questi motivi quindi, un atteggiamento disponibile e curioso è la chiave per farsi strada tra tutte le differenze, e il senso dell’umorismo può trasformare dei problemi inaspettati in opportunità che sfociano in intense connessioni umane. Quali sono i vostri migliori consigli? Partecipate alla conversazione nel Community Center.