English中文DeutschEspañolFrançais 日本語한국어Portuguêsру́сскийNederlands

Debbie e Michael Campbell continuano a offrire utili consigli per un soggiorno perfetto con Airbnb e, questa volta, desiderano condividere con noi le loro riflessioni sull’importanza del manuale della casa. I Senior Nomads sono andati in pensione quattro anni fa e, da allora, viaggiano full-time, vivendo negli alloggi di Airbnb di tutto il mondo. Hanno visitato 58 paesi e 180 città, soggiornando in oltre 135 case. Ecco ciò che hanno da dirci.

Considerate il manuale della casa come una guida alla tranquillità. Un posto dove gli ospiti possono trovare le risposte alle loro domande, o almeno a quelle che riguardano le loro esperienze con Airbnb: per loro è uno strumento illuminante, e l’anticipare i loro dubbi vi farà vivere sereni. 

Circa la metà degli host Airbnb che ci hanno accolto durante i nostri viaggi ci ha fornito indicazioni scritte per orientarci al meglio, e siamo sempre molto contenti quando questo succede. Che si tratti di un foglio plastificato o di un raccoglitore stracolmo di informazioni, un rapido sguardo ai vostri appunti ci eviterà di disturbarvi se il wi-fi non funziona o se la porta non si apre. E, cosa ancora più importante, indicazioni come queste ci consentono di integrarci meglio: sapere quale numero chiamare in caso di emergenza, quali negozi ci sono nelle vicinanze e dove gustare una buona pinta di birra gelata sono informazioni che possono fare piacere.

Accogliere personalmente gli ospiti e mostrare loro la casa nei minimi dettagli è importante, ma questo non sostituisce un manuale. Purtroppo, potremmo distrarci e non ascoltare attentamente le vostre spiegazioni. Al momento dei saluti e del “Chiamatemi se avete bisogno”, state pur certi che avremo perso o dimenticato qualche prezioso dettaglio o indicazione; e sicuramente vi chiameremo. Se invece non c’è nessuno pronto ad accoglierci di persona, diventa ancora più importante avere a disposizione un manuale della casa. Il nostro consiglio? Nel caso abbiate qualcosa meriti una spiegazione a voce, significa che vale la pena scriverla. Sono queste le informazioni che vogliamo trovare quando arriviamo.

Al fuoco! Al fuoco! Proprio come in una stanza d’albergo, fornite le informazioni utili agli ospiti in caso di emergenza, tra cui l’indirizzo completo di casa vostra e un recapito ulteriore a quello indicato sulla piattaforma Airbnb. L’ospite deve infatti essere in grado di comunicare l’indirizzo di casa completo ai soccorsi senza doverlo cercare sul telefono oppure online. Inoltre, fornite sempre la lista di numeri di telefono per contattare i vigili del fuoco, la polizia, l’ospedale o il dentista, nonché l’indirizzo e il numero di telefono della farmacia più vicina e di quella aperta 24 ore su 24. Aggiungete nel manuale anche il numero di un servizio di taxi fidato. 

I fondamentali. Oltre alle informazioni salva-vita, aggiungete anche quelle utili come lo username e la password del wi-fi, e indicate dove si trova il router. Fa sempre comodo sapere come attivare il televisore, la radio, la lavatrice, la lavastoviglie, il condizionatore, il riscaldamento e gli elettrodomestici. Se possedete le istruzioni d’uso dei produttori, mettetele a disposizione, poiché sono redatte in più lingue. Conoscere queste informazioni basilari ci aiuta ad ambientarci in casa ed evitare di rompere utensili ed elettrodomestici a causa di un utilizzo improprio. Scriveteci anche dove possiamo trovare altre lenzuola e i prodotti per la pulizia, nonché dove e quando buttare la spazzatura e come riciclare, in modo da tenere tutto in ordine e pulito.

A proprio agio. Condividete anche quei piccoli suggerimenti che possono rendere più agevole la permanenza a casa vostra (sono cose per voi ovvie e scontate ma possono fare la differenza). La chiave della porta d’entrata è un po’ difettosa o ci vuole qualche minuto prima che l’acqua della doccia diventi calda? L’interruttore a parete dev’essere accesso per poter far funzionare il forno o il gatto dei vicini entra furtivamente in casa se si lascia la finestra aperta? Ditelo ai vostri ospiti! È vero che aggiungere tutti questi dettagli richiede un po’ più di tempo ma, proprio come succede con una posizione yoga particolarmente ostica, una volta fatto vi sentirete decisamente meglio.

A casa vostra, ovunque. C’è qualcosa di gratificante nel leggere attentamente una mappa e trovare l’indicazione “Voi siete qui” bene in evidenza. Permette ai vostri ospiti di sapere subito cosa c’è nei dintorni e come tornare a casa, anche se la batteria del telefono è scarica. Fermatevi all’ufficio turistico locale e fatevi dare una decina di mappe – o trovatene una fatta bene online – e stampatene diverse copie per averle a portata di mano. Quando siete all’ufficio turistico, prendete anche qualche volantino con il calendario degli eventi mensili, assicurandovi che siano aggiornati.


Namaste! Secondo noi, non c’è niente di meglio di una serie di consigli su dove andare a mangiare, a bere, a fare shopping e su cosa vedere e fare durante il nostro soggiorno. Aggiungete i vostri supermercati preferiti e i mercati dove trovare prodotti tipici, il parrucchiere di fiducia, dove andare a mangiare la pizza più buona della città, e qualsiasi altro luogo imperdibile. E, se potete, forniteci anche le istruzioni per utilizzare i mezzi pubblici e i relativi costi.

Infine, abbiamo notato la tendenza a mostrare il manuale sulla pagina dell’annuncio oppure a renderlo disponibile nell’app mobile. È comodo, ma se non abbiamo una SIM locale o l’accesso a internet, non è di grande aiuto. Avere a disposizione le informazioni fondamentali su carta è molto rassicurante ed estremamente utile. Perché, allora, non mettere a disposizione entrambe le cose? E più informazioni condividete con noi, più felici siamo. Pace e amore.