中文EnglishDeutschEspañolFrançais —  日本語한국어Portuguêsру́сскийNederlands

Il ghiaccio e la neve iniziano a sciogliersi. Gli alberi e i cespugli si ricoprono di germogli. I fiori iniziano a sbocciare. Se hai il pollice verde, sai cosa significa: la primavera è alle porte e modifica pian piano il paesaggio.

Dato che questa stagione così piacevole sta per arrivare in una parte del mondo, noi siamo pronti per ammirare tutto il suo fascino. Visitando paesaggi unici creati da host Airbnb in Massachusetts, Brasile, Washington, Australia, California e Seoul, abbiamo capito come il giardinaggio non sia solo un metodo per prendersi cura della propria casa ma anche una terapia, un rituale, un conforto per molte persone.

Il gusto delle cose fatte in casa

“Se nel mio alloggio Airbnb non ci fosse il mio giardino, penso che sarebbe incompleto”, dice Jana, che accoglie i suoi ospiti in un cottage del 1870 principalmente in estate e nel periodo di Halloween… dopotutto Salem è famosa per le streghe! “Adoro far fare ai miei ospiti un tour del mio giardino e mostrare loro Ie piante che faccio crescere con amore. Voglio che si sentano accolti anche dalla bellezza del verde e dei fiori da cui sono circondati.”

Cottage_231990

A fine marzo, il suo giardino in stile cottage è coperto dal fango. Nel suo seminterrato tuttavia ha già iniziato la produzione di 14 varietà di pomodori, 8 varietà di zucca oltre che alcuni tipi di zinnia e dalie. È una produzione interamente biologica nata da circa 400 semi germinati grazie alla luce artificiale. Che cosa rende Jana così motivata? La soddisfazione di poter “fare da guida alla natura”, il riposo meritato dopo tanto lavoro e ovviamente “tantissimi deliziosi pomodori!”

Vita rigogliosa

Il rifugio tropicale privato di Wernher produce prelibatezze da gustare. “Questa è la stagione di manghi, mangabeiras, pitangueiras e banane” dice l’host brasiliano, che modella il suo terreno da 20 anni cercando di creare un rifugio riposante lontano dal trambusto della città. Un patio rialzato è il luogo ideale per ritrovarsi tra amici per un barbecue, all’ombra di un immenso tetto di paglia e circondati da palme da cocco, agave e altre piante tipiche.

Tropical_2273759

Un ruscello scorre lungo la proprietà e i suoi argini ospitano diverse forme, colori e trame tropicali. Una passerella pedonale di influenza giapponese non fa altro che aumentare il fascino del luogo. Le piante della zona sono la maggior parte di quelle presenti in questo giardino. Non si trovano invece tante specie straniere… a meno che non ci si riferisca agli ospiti internazionali che si avventurano nel parco per scappare da tutto il resto. “È un giardino di ispirazione tropicale”, conclude Wernher.

Fuori dai sentieri battuti

“La primavera qui è qualcosa che si sviluppa lentamente con ritmo regolare” ci dice Kurt a proposito dei giardini e dei terreni che ricoprono la sua proprietà di 10 acri nella parte occidentale dello stato di Washington. Lui e Lisa, entrambi biologi, condividono un amore per la natura di tutto il mondo. Le anatre migratrici fanno il loro ritorno. Le piccole rane del Nordamerica riempiono l’atmosfera con la loro musica. La oemleria, il ribes selvatico, il croco, il narciso e il trillium sbocciano in successione; l’acero si mette in bella mostra. Gli ospiti “vanno in cerca di una connessione con la natura o semplicemente di tranquillità” dice Kurt. “I nostri giardini privati soddisfano pienamente questi bisogni.”

Off_539262

Il terreno era utilizzato come pascolo per i cavalli quando la coppia lo acquistò nel 1989. Una serie di pratiche a basso impatto ambientale di gestione della terra è stata portata avanti negli ultimi 25 anni. Oggi, questo paesaggio bucolico varia da “zone curate in modo maniacale ad altre in cui la spontaneità armoniosa della natura prende il sopravvento.”

“Abbiamo organizzato un sistema di sentieri che danno accesso a diversi habitat di terreni acquitrinosi, pascoli e foresta” dice Kurt. “Nei giardini si trova inoltre un frutteto con oltre 50 alberi da frutto e arbusti che producono bacche. Gli orti garantiscono a noi e ai nostri ospiti ortaggi ed erbe di stagione.”

I colori della costa

La primavera arriva nel mese di settembre nella casa di Miranda situata sul lungomare in Australia. Questa stagione porta con sé un’ “orgia di colori”: rosa, giallo e arancio. Troviamo la gazania, le unghie di strega, piante grasse, margherite tipiche delle zone costiere, margherite africane e giunchiglie. “Una casa senza barriere è qualcosa di fantastico” dice Miranda che descrive il suo giardino come “una miscela di elementi organizzati e altri spontanei più aspri”. Oltre il tappeto di fiori colorati si può ammirare un’ampia vista del littorale roccioso, il monte Wellington e la città di Hobart.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

“Tutti dicono la stessa cosa quando arrivano qui: ‘Wow!’ Sono felice che così tante persone abbiano potuto visitare il mio giardino trascorrendo qualche giorno di relax nel mio alloggio”.

Felicità rurale

Bill e Nancy descrivono la loro fattoria in stile vittoriano risalente al 1896 e ora restaurata come “un’oasi nell’arida Sierra Foothills” ma anche un “lavoro d’amore”. Quest’area era stata coltivata a diverse riprese a partire dall’epoca della Corsa all’oro, ma in oltre 30 anni, il terreno era tornato al suo stato naturale di prateria. “Abbiamo lavorato per giorni e giorni sotto il sole estivo con dei picconi per spaccare le rocce e costruire così il nostro giardino” dice Bill quando parla della loro fattoria in cui hanno dato vita alla permacultura. “Praticamente tutto ciò che piantiamo ha uno scopo nel nostro ecosistema. Alcuni prodotti li mangiamo, altri li utilizziamo per migliorare le condizioni del terreno, altri ancora forniscono ombra o un rifugio per gli insetti”.

Rural_1499648

I viaggiatori provenienti da tutto il mondo attratti anche dalla vicinanza con il Parco Nazionale di Yosemite possono gustare kale, patate, carote e meloni prodotti da noi, tranne quando le bestiole se ne appropriano prima. Ma forse la pacchia è finita per questi animali: Bill ha costruito un marchingegno con un vecchio microprocessore, luci stroboscopiche, altoparlanti e rivelatori a infrarossi per far sì che puzzole e cervi non rubino la loro cena.

Il paese delle meraviglie a Gangnam

Kelly ha soprannominato il suo annuncio “Wonderland” (paese delle meraviglie) per i murales vivaci che si ispirano ad Alice nel paese delle meraviglie e a Van Gogh. I murales sono stati dipinti da lei con l’aiuto di qualche artista locale per rendere l’esterno della casa più “accogliente” e invitante. “Si trova nel cuore di Gangnam, una zona urbana, quindi qui è molto raro avere un cortile nella propria casa”. “Organizzo diversi barbecue con i miei amici e i miei ospiti sono sempre i benvenuti. Penso sia un modo simpatico per conoscere le persone del posto”.

Gangnam_558908

Il giardino non è tanto grande ma è davvero ricco e intenso, insomma… Gangnam-style! Un dondolo, un tavolo da picnic, un tavolino da bar e delle panche decorano il cortile con una vite e un ginkgo, un castagno, un albero di cachi e un dattero cinese che fioriscono in primavera. “Questi alberi producono molta frutta che condividiamo con i nostri vicini e ospiti” rivela Kelly. “È tutto delizioso, specialmente i cachi!”

[La prima foto è presa da Mountain Top Vineyard Getaway, a Vacaville, California]

 

Leggi altri post in Italiano