English中文DeutschEspañolFrançais 日本語한국어Portuguêsру́сскийNederlands

In qualità di ospiti esperti, Michael e Debbie Campbell proseguono la loro serie di consigli utili per gli host e, oggi, condividono con noi le loro riflessioni su ciò che li spinge a scegliere un alloggio piuttosto che un altro.

Io e Michael abbiamo “vissuto” in oltre 140 alloggi Airbnb in tutto il mondo e possiamo dire in tutta sincerità che ci piace sempre molto cercare sulla piattaforma quella che sarà la nostra prossima casa. È come sbirciare le inserzioni affisse nella grande bacheca di un’agenzia immobiliare e sognare di comprare una di quelle case pubblicizzate. Quale sarà quella perfetta per noi? Come la maggior parte delle persone, siamo attratti dagli annunci con le foto più belle e le descrizioni più curiose. Avendo consultato oltre 3.000 annunci, siamo in grado di darvi 5 utili consigli per creare un annuncio capace di far innamorare i viaggiatori del vostro alloggio Airbnb.

Parole: iniziate con un titolo accattivante come “Appartamento luminoso con vista sulla città”, che susciterà sicuramente più interesse di “Camera da letto in centro città”. Condividete i punti forti della casa e del quartiere in cui vivete affinché i viaggiatori possano immaginare come potrebbe essere il loro soggiorno. È in una zona silenziosa e tranquilla o, al contrario, nel cuore della movida notturna? Alcuni potenziali ospiti guardano solo le foto, per cui meglio scrivere delle didascalie che enfatizzino gli aspetti più importanti di ogni immagine.

Foto: come tutti quelli che cercano l’alloggio perfetto su Airbnb, anche noi cominciamo guardando le immagini, quindi suggeriamo di caricare dalle 16 alle 24 foto di qualità professionale per mostrare la vostra casa. Per attrarre l’attenzione di un potenziale ospite, utilizzate la foto migliore come immagine principale.

Assicuratevi che le stanze appaiano accoglienti e comode. Generalmente saltiamo gli annunci di case con un arredamento spartano e muri spogli: non fanno venire voglia di trascorrerci del tempo. Evitate ugualmente di caricare immagini che presentino l’alloggio disordinato. Non abusate neanche dei primi piani, soprattutto di soprammobili. Mostrate piuttosto il vostro adorabile letto e i soffici asciugamani, e aggiungete immagini che rispecchino il vostro personale gusto per l’arredamento. Assicuratevi che le foto consentano di vedere come sono disposte le stanze e la loro funzione: un computer portatile sulla scrivania o la colazione servita in balcone ci portano a immaginare come potremmo trascorrere il tempo a casa vostra. E poiché non possiamo spendere troppo, osserviamo sempre attentamente le foto delle vostre cucine per essere sicuri di poter cucinare. Infatti solitamente ci accertiamo che nelle foto compaiano degli elettrodomestici, un tostapane, un bollitore elettrico e un microonde.

Mostrate il panorama visibile dal vostro alloggio e, se è il caso, aggiungete un bello scatto della facciata del vostro palazzo o del giardino. Per quanto riguarda le foto di attrazioni turistiche, a meno che non siano vicino casa, evitate di aggiungerle per non correre il rischio di creare confusione nei potenziali ospiti. Se ne abusate, potrebbero pensare che non volete mostrare com’è il vostro alloggio all’interno. Potrebbe invece essere una buona idea caricare alcune immagini dei posti che preferite nel vostro quartiere.

Accuratezza: secondo noi, un buon host può compensare un annuncio mediocre. E generalmente un buon host è sincero sulle possibili difficoltà che un ospite potrebbe incontrare, come ad esempio il numero di scalini dell’ingresso principale o la velocità di connessione del wi-fi. Naturalmente, se l’alloggio è in città, è normale avere a che fare con un po’ di rumore, ma avvisate i vostri ospiti se, di notte, la musica ad alto volume proveniente dalla strada o il camion della nettezza urbana possono creare disagi. Una volta siamo stati addirittura informati della presenza di rumorosi galli! Quando gli ospiti vengono avvisati in anticipo non solo sugli aspetti positivi ma anche su qualche aspetto negativo dell’alloggio, si crea subito un rapporto basato sulla fiducia.

Inoltre per noi è sempre molto utile sapere esattamente la distanza dei principali luoghi d’interesse, dei negozi e dei ristoranti dal vostro alloggio. Se dite che un posto dista soltanto dieci minuti da casa, specificate se intendete a piedi, in macchina o con i mezzi pubblici.

Profili e Recensioni: immaginiamo che leggiate abitualmente il profilo e le recensioni dei potenziali ospiti. Ora raccontateci di voi! Che lavoro fate e come trascorrete il tempo libero? Cosa vi piace di più della vostra attività di host? Una volta selezionati 5 o 6 annunci interessanti nella nostra Wish List, studiamo attentamente tutte le recensioni per sapere se l’host o il co-host rispondono tempestivamente e se sono accoglienti e disponibili. Solitamente scegliamo l’annuncio con le recensioni migliori sull’host.

Prezzo: il prezzo è un fattore importante per noi, perché viviamo costantemente negli alloggi Airbnb. Infatti, una delle caratteristiche che preferiamo della piattaforma è la possibilità di trovare l’annuncio perfetto per le nostre tasche. Se avete appena pubblicato il vostro annuncio e non avete ancora ricevuto delle recensioni, o ne avete poche, scegliete un prezzo leggermente inferiore alla media per attrarre gli ospiti e farvi lasciare delle recensioni positive. Abbiamo scelto annunci senza recensioni perché avevano un’ottima descrizione, tante belle foto e un breve messaggio di benvenuto dell’host. E, a volte, anche perché l’host aveva scelto il prezzo giusto per un nuovo annuncio.